Archivio

Smartwave festival: bioedilizia, musica, agricoltura, Street Art sostenibile.

1 Ott , 2014  

foxhound-chieti-smartwave

Un’onda anomala di innovazione e sostenibilità sta per travolgere il Villaggio del Mediterraneo.  Si chiama  Smartwave festival  e arriva venerdì 3 e sabato 4 ottobre  in via Papa Giovanni Paolo II a Chieti Scalo, di fronte alle ‘case’ degli universitari. Si comincia con una bella jam session, dalle 15, in cui ognuno potrà portare i suoi strumenti e condividere con gli altri la musica. 

La mission del festival è ambiziosa: inserita come evento finale dell’evento Anci per Expo, che trainerà l’Abruzzo all’Esposizione Universale di Milano 2015, Smartwave nasce da un progetto dell’associazione Ideali, che sta per Insieme Decidiamo e Acceleriamo L’Innovazione ed è probabilmente l’unico evento green che da qui a Natale avremo da queste parti. Questo è uno dei  promo della manifestazione che abbiamo scelto per presentarvela,  con la collaborazione di “Nessun Matteo è stato realmente maltrattato.”

Ma torniamo alla jam session:  sempre  venerdì pomeriggio  a Chieti Scalo l’associazione Ch’Art delizierà i presenti con un bell’esempio di street art sostenibile. Per una volta via gli spray e dentro i pennelli per dare forma a dei graffiti davvero speciali.

Ed ecco i concerti del venerdì sera…

Alle 21 sale sul palco Stèv, polistrumentista marchigiano che coniuga due aspetti della musica apparentemente inconciliabili: l’acustica dello strumento reale e l’elettronica. E’ stato più volte definito “il Bonobo italiano”.

Seguono i Boxerin Club da Roma, con il loro perfetto mix di indierock, world music e ritmiche selvagge.

E poi c’è  una delle voci più attese: Maria Antonietta, al secolo Letizia Cesarini di Pesaro. MAria Antonietta, chitarra e tanto sangue versato, ha inciso il suo primo disco nel luglio 2010 “Marie Antoinette wants to suck your young blood”, l’ultimo si intitola Sassi ed esce per La Tempesta, nel 2013. La sua sincerità vi sorprenderà e traspare dal suo tumblr.

Sabato 4 ottobre

Smartwave lascia spazio alle tematiche green con gli stand di alimenti biologici, edilizia ecosostenibile, bici elettriche. Una marea di associazioni presenti con laboratori, installazioni con materiale riciclato, proiezioni.

Aprono la serata live alle 21,30 i torinesi Foxhound : un ibrido post punk che fa un frontale con Damon Albarn . Foxhound

Poi c’è il duo elettronico RedrumAlone che non usa basi e computer e ha suonato allo Sziget Festival, per conoscere meglio il loro progetto vi consigliamo di navigare la loro pagina web

Elettronica e hip hop con gli Apes on Tapes che dal vivo fanno volare giù tutto!

A chiudere entrambe le serata uno showcase della community abruzzese di musica alternativa Step Lab, sabato ci sarà anche un ospite a sorpresa.  Il tutto è gratuito.

Articolo a cura di Stefania Ortolano.

 

Programma
Venerdì 3 Ottobre

Area Jam Session

15:00 – 20:00
Porta i tuoi strumenti o vieni a suonare i nostri.

L’ Associazione Ch’Art delizierà i presenti ed accompagnerà la jam session e la seguente selezione musicale con un bell’esempio di Street Art sostenibile. Via gli spray, dentro i pennelli. E in questo caso non si parla di muri ma…vieni a scoprirlo.

20:00 – 21:00
Aperitivibes w/ Step Lab selection

Area food & drink

All day and night long
Birra, vino, cocktails, arrosticini, panini.

Area concerti

21:00
Stèv live set

 

22:00
Boxerin Club

23:00
Maria Antonietta

00:30

Step Lab Showcase

Sabato 4 Ottobre

Area Ambiente & Innovazione

15:00 – 21:00
Saranno ospiti giovani realtà imprenditoriali e non provenienti da diversi settori quali bioedilizia, energia, mobilità sostenibile, agricoltura, biocosmesi e wellness.

• Urban Green – Bioedilizia
• Eco City Car
• Green Bike Messenger
• CiaoCarb
• Marco Romano Hair Style Studio
• Parafarmacia Borgo Belli
• Terra Maja
• Poderi al Sole di Massimo Ciarfella

Area food & drink

All day and night long
Birra, vino, cocktails, arrosticini, panini.

Area concerti

21:30
Foxhound

22:30
Redrum Alone live + visual mapping

23:30
Apes on Tapes

00:30
Step Lab Showcase ft guests

, , ,

Archivio

Streamers, uno sguardo inedito sul periferico: Pescara, Rancitelli e la camera car.

20 Set , 2014  

periferie-Pescara Portanuova-Rancitelli

“Periferia vuol dire stare fuori, al contorno di, al limite, ma in realtà questa parola ha un valore soprattutto sociologico, economico, politico e più che affermare un messaggio positivo sembra affermarne uno negativo. Periferia, infatti, è altro rispetto alla città, è altro rispetto ad una condizione di abitabilità e di vita sociale.”

Questo vuole raccontarci The Streamers (La città invisibile), cortometraggio girato nel 2005 da Bruno Imbastaro e spunto per il dibattito che si terrà oggi, Sabato 20 Settembre, all’Aurum di Pescara, alle ore 18. In occasione delle 31° Giornate Europee del Patrimonio si propone un tema affascinante attraverso una “suggestione filmata” del Quartiere 3, la Rancitelli dalla cattiva nominata, e visuali della zona della fonderia Ex-Camplone, in fase di riqualificazione.

“Eppure accade oggi che, la cosiddetta periferia, dia l’avvio a nuove progettualità, al di fuori degli schemi consueti e divenga spunto di uno sguardo inedito sul quotidiano“: con questo punto di vista si aprirà il dibattito a seguito della proiezione del cortometraggio, uno spunto per la progettualità futura e un gesto d’amore verso i luoghi altri dal centro città concepite come luoghi dal potenziale inespresso piuttosto che come zone degradate. Le periferie appartengono all’immaginazione dei suoi amanti, a tutti quei viaggiatori urbani capaci di guardarle con gli occhi del sentimento e di scorgere quella bellezza interiore che solo l’amore rivela. A ognuno la sua periferia, quindi, e ognuno ha la libertà di immaginarla e viverla senza costrizione, a differenza dei centri città, luoghi dal significato potente e dall’interpretazione univoca.

Interverranno sul tema Bruno Imbastaro, fotografo e filmaker, Massimo Palladini, architetto e coordinatore area Chieti-Pescara della Sezione Abruzzo-Molise dell’Istituto Nazionale di Urbanistica, Rashid Uri, artista e ideatore di Ultrastudio, Ivan D’Alberto, storico dell’arte e giornalista Juliet Art Magazine e, dulcis in fundo, noi di Subcity, chiamati a portare la nostra esperienza di reporter e osservatori del lato inedito del nostro territorio e delle Subcittà

 

 

 

 

, ,

Archivio

Ceppaflex dei Prophilax e altre preoccupanti derive demenziali.

19 Set , 2014  

Prophilax - Notte Nera - Pescara

C’era gente che è venuta da Matera per ascoltare i Prophilax e i Nanowar of the Steel, band conosciute a livello nazionale che basano sul rock e sull’heavy metal demenziale la loro filosofia di vita artistica.

More…

, , ,

Archivio

LAGENTE #5: Piove governo ladro [SubcityTv]

17 Set , 2014  

Lagente-Valerio Friello-subcityTV

Ricordo perfettamente il giorno in cui sentii parlare per la prima volta di politica.  Andavo alla scuola elementare, quel giorno pioveva e la nostra maestra di italiano ha portato la mia classe ad assistere al consiglio comunale.

More…

, , , ,

Archivio

Città San Angelo la berlinese in CODE 2014.

12 Set , 2014  

FranzKirmann-Code2014

Traducendo il sottotitolo di CODE nella nostra bellissima lingua leggiamo “segni di cultura contemporanea, musica e festival delle arti”, mica male per Città San Angelo, un territorio spesso percepito come la provincia della provincia di Pescara, in una spirale di provincialismi che fa girare la testa.

More…

, ,

Archivio

Sulmona, la rete che supera le rate [SubcityTv].

31 Lug , 2014  

scambio-semi-Sulmona

Alessandro Lucci ci racconta l’evento di Domenica 2 Marzo presso la Badia Morronese di Sulmona (Aq). Una giornata dedicata alla conoscenza e allo scambio delle biodiversità abruzzesi: semi antichi autoprodotti, marze, lieviti e fermenti, mercatino dell’artigianato, seminari e laboratori tematici. Come dice Mario Dal Mare, citato da Alessandro nella sua intervista “la rete che supera le rate”.

, , ,

Archivio

MuMi, Francavilla: onore e… Gloria Sulli.

29 Lug , 2014  

Battaglia-con-il-drago,-particolare
A Francavilla accadono cose che si ripetono dal 1947. “Abusivismo edilizio! Cementificazione selvaggia!” Vero, ma non solo. Ogni anno dal 1947 viene inaugurata la tradizionale mostra del Premio Michetti e come di consueto decido di andare a curiosare.

Veloce corsa in bici, parcheggio, slalom tra i presenti, individuazione del luogo deputato alla presentazione, folla.  Mentre mi aggiro ancora trafelata tra il pubblico delle grandi occasioni, curiosi, artisti e giornalisti, mi capita  di riconoscere al volo un’opera tra le diverse selezionate per il Premio e con vero piacere apprendo della partecipazione di Gloria Sulli, giovane artista abruzzese che ha fatto della scultura in poliuretano e rete metallica il tratto distintivo della sua attività artistica.

Breathe,-2014,-poliuretano-e-rete-metallica

Breathe, 2014, poliuretano e rete metallica

Nel frattempo è iniziata la cerimonia di premiazione con i saluti istituzionali e le formule di rito. Trovo posto sotto “Le Serpi” di Michetti, dove vedo proprio Gloria e posso così congratularmi per la partecipazione.

Finalmente la proclamazione: tra i diversi premi assegnati la Menzione speciale della giuria va proprio all’incredula Gloria Sulli presente con due opere: Breathe del 2014 e Battaglia con il Drago del 2013, quest’ultima già esposta nel 2013 presso l’Alviani Art Space diretto da Lucia Zappacosta in occasione della mostra “Animarium”.

MuMi-Francavilla (Chieti), Gloria Sulli

Drachenkampf , 2013, poliuretano e rete metallica

MuMi, Francavilla, Gloria Sulli

Drachenkampf , 2013, poliuretano e rete metallica – particolare

 

, , , , ,