Archivio

“Cineforum” all’Università di Chieti: cinema balcanico e concerti a tema

28 Ott , 2014  

Subcity news

Mercoledì 29 Ottobre si terranno la proiezione del film “Underground” di Emir Kusturika ed una festa finale con le esibizioni di Mama Marjas e Alessandro Nosenzo.

Si chiuderà all’Università “G.d’Annunzio” di Chieti mercoledì 29 ottobre “Cineforum”, rassegna cinematografica organizzata per il quarto anno consecutivo dall’Associazione Studentesca 360 Gradi.

Il tema di quest’anno è  stato “Visioni Adriatiche” ed ha riscosso un grande successo, grazie alla sua profonda attualità: questo titolo racchiude il momento del vivere e raccontare (vedere – visione) e la forza di guardare al futuro con fiducia (visione premonitrice).

I film scelti hanno raccontato le storie della situazione sociale e politica della penisola balcanica, terra ad un passo dalla nostra e con la quale abbiamo condiviso parte dei drammi e delle lotte. Questioni troppo poco trattate e tuttavia cruciali per comprendere la contemporaneità.

Il Cineforum è stata un’occasione per scoprire come queste storie siano state tradotte in pellicola da parte di registi sensibili a tali argomenti, e dunque riflettere ed ascoltare le opinioni di esperti dei temi trattati.

Subcity News

Alessandro Nosenzo

In occasione dell’ultima giornata alle ore 18.30 presso l’Emeroteca Facoltà di Lettere sarà proiettato il film “Underground” (1995 di Emir Kusturika con Miki Manojlovic e Lazar Ristovski.

Per festeggiare la riuscita della manifestazione è stata organizzata una serata musicale a tema presso “Lady Sonia” (a circa 1 km dal Centro Commerciale Megalò) con inizio alle 21.30. Per l’occasione si esibiranno Mama Marjas backed by Don Ciccio feat. Alenaville & Miss Mykela e Alessandro Nosenzo.

Sarà garantito un servizio navetta gratuito (da Pescara partenza Zona Agip, nei pressi dell’Università, da Chieti dal parcheggio della Facoltà di Lettere).

Scarica l’articolo in formato PDF

, ,

Archivio

Chieti, Università: Bastard sons of Dioniso, Coconuts Killer band e…

24 Giu , 2014  

bastard-sons-of-dioniso-chieti

Sabato 28 giugno, dalle 18 in poi, il piazzale di Lettere a Chieti Scalo è Rock ‘N’Admo. On stage alcuni dei gruppi abruzzesi più noti: i Big Ten Inch Band (blues e rock’n roll), i “cattivissimi” De Rapage, i Chilafapuliska, i Coconuts Killer Band. Special guests: The Bastard Sons of Dioniso, in pieno tour estivo lungo lo Stivale. Si balla anche con dj Mat Chiavaroli.

Coconuts killer band su SubcityTV

L’evento è organizzato dall’associazione di volontariato Erga Omnes, che raccoglie studenti universitari e neo-laureati, in collaborazione con l’Ud’A, il Comune di Chieti e soprattutto l’Admo regionale: l’associazione donatori di midollo osseo.

Oltre al divertimento e alla musica infatti, Rock ‘N’Admo vuole sensibilizzare la popolazione giovanile all’argomento e per questo al Campus ci saranno i banchetti informativi di Admo, accanto a quelli di Erga Omnes, Ga, Compagnia del Sorriso e Croce  rossa italiana.

 

Bastard sons of Dioniso

La serata di sabato sarà anticipata da un convegno, venerdì 27 giugno alle 10,30 all’Auditorium del Rettorato , “Un bacino per Admo”. Perché questo titolo? Perché il midollo osseo viene prelevato proprio dal bacino. A parlarne ci sarà anche l’attore Luca Calvani.

C’è anche un concorso fotografico: “Uno scatto d’ADMOre” sul tema del dono e della sensibilizzazione. Le foto saranno votate sulla pagina Facebook “Un bacino per Admo”, fino al 24 giugno. Vince chi ha più ‘mi piace’. Gli scatti più belli saranno premiati sabato.

De Rapage

Stefania Ortolano per Subcity.it


Scarica l’articolo in formato PDF

, , , , , , , , , , ,

Archivio

L’Abruzzo ospita la prima Queer week italiana: che cos’è e dove si farà?

2 Apr , 2014  

QueerSpring-UD'A

La prima Queer Week italiana si svolgerà dal 5 al 9 maggio prossimi, con un’anteprima programmata il 28 Aprile, all’Università D’Annunzio di Chieti.

Alcuni giorni fa abbiamo intervistato i ragazz* del Collettivo La Mala Educacion, organizzatori della manifestazione. Anna, Stefano e gli altri ragazz* del Collettivo ci hanno entusiasmato, trasmettendoci la loro spinta verso il rinnovamento della cultura e dell’approccio alle tematiche omosessuali e di genere. Questo è il punto di partenza della Queer week, una settimana di riflessioni, conferenze, workshop, assemblee e momenti ricreativi legati gli studi di genere e alla teoria queer. Il progetto si richiama alle Queer week del mondo anglosassone: nelle Università americane, inglesi, e negli ultimi anni anche in quelle francesi, queste iniziative sono molto diffuse e si configurano come delle settimane di approfondimento sulla teoria Queer e sugli studi di genere.

La prima Queer Week italiana sarà suddivisa in momenti teorici, esercitazioni pratiche e incontri assembleari. Le mattine saranno tendenzialmente dedicate alla teoria, con interventi dei più importanti studiosi queer italiani e internazionali tra cui Lorenzo Bernini, Annalisa Zabonati, Renato Brusarello, Michela Balocchi e altri. Nel pomeriggio si potrà partecipare ai laboratori teatrali, a quelli sui sex toys, ai workshop su “come travestirsi ” , al laboratorio di decostruzione delle immagini pubblicitarie, al laboratorio di decostruzione del linguaggio parlato nel quotidiano, considerato il maggior veicolo di omofobia nella nostra cultura.

Ma che cosa sono la la teoria queer e gli studi di genere? Per saperne di più potete leggere l’intervista ai ragazz* de La Mala Educacion pubblicata sul nostro sito, nel frattempo vi anticipiamo che il Collettivo sta portando avanti un discorso molto interessante e innovativo sugli studi di genere e il queer. I ragazz* della Mala Educacion stanno tentando di svecchiare l’Università di Chieti e di dare una scossa alla colpevolmente sopita cultura accademica istituzionale, poco recettiva nei confronti degli studi di genere, molto avanzati negli Usa e in Gran Bretagna. In Italia invece, a livello accademico, esistono solo iniziative sporadiche sullo studio dei generi e sulla teoria queer. Queste spinte alla trattazione degli studi di genere e della teoria queer sono prevalentemente dovute alla perseveranza di alcuni ricercatori e professori, spesso poco sostenuti dalle facoltà in cui operano. Possiamo citare, tra queste innovative realtà, l’Università di Verona, con la sua rivista sugli studi di genere titolata Politesse. L’Università del Piemonte Orientale, nel quale è attivo Marco Pustianaz con la rivista About Gender. L’Università della Calabria in cui la professoressa Laura Corradi ha aperto e, tramite una petizione in rete e un’interrogazione parlamentare, mantenuto in vita, il corso di “Studi di genere e metodo intersezionale”.

A rafforzare la necessità di una Queer Week e di una adeguata trattazione accademica di questi temi, arriva uno tra i più grandi pensatori del XX secolo: Michel Focault, padre degli studi di genere con il suo testo “Storia della sessualità” del 1976. Dopo Focault la teoria queer e gli studi di genere sono stati applicati alla sociologia, alla filosofia, alla letteratura, al cinema. Insomma, per farla breve, di una Queer Week in Italia ce n’era veramente bisogno.

 

Programma

LUN. 28/04/2014
LA PRIMAVERA QUEER: UN’INTRODUZIONE

10:00 Lezione magistrale con MARCO PUSTIANAZ. Prospettive Queer oggi (c/o Auditorium del rettorato)
14:00 Pausa pranzo
16:00 Giochiamocela! Workshop sui sex toys e altri giochi erotici, a cura di Maia Pedullà (c/o Aula 3 Polo didattico di lettere)

LUN. 05/05/2014
LE BASI TEORICHE DELLA QUEER THEORY
Modera Angela Balzano
9:00 Apertura dei lavori, a cura del gruppo studentesco “La Mala Educacion” e del “Laboratorio Le Antigoni”
9:30 ANGELA BALZANO, Corpi e Biocontrollo (c/o Auditorium del rettorato)
10:00 LORENZO BERNINI, Elementi di teoria Queer: dall’ottimismo costruttivista al realismo antisociale (c/o Auditorium del rettorato)
10:45 Coffee break Veg-Equosolidale
11:15 RACHELE BORGHI, in videoconferenza, Teoria Queer, corpi e performance (c/o Auditorium del rettorato)
12:00 Discussione
13:30 Pausa pranzo
15:30 Attività laboratoriali: NICOLETTA POIDIMANI, Laboratorio postvittimista su mass media e violenza di genere (c/o Aula 2 Polo didattico di lettere)

MAR. 06/05/2014
LA COSTRUZIONE DEL GENERE E I SUOI CONFLITTI
Modera Clara Mucci
09:30 CLARA MUCCI, La costruzione culturale del genere in psicoanalisi (c/o Auditorium del rettorato)
10:00 ANNALISA ZABONATI, in videoconferenza, Psicologia e antropologia di genere: da dispositivi di controllo a strumenti di liberazione (c/o Auditorium del rettorato)
10:45 Coffee break Veg-Equosolidale
11:15 BRUNA BIANCHI in videoconferenza, Discriminazioni di genere – la storia del femminismo (c/o Auditorium del rettorato)
12:00 Discussione
13:30 Pausa pranzo
15:30 Attività laboratoriali: LORENZO GASPARRINI, Il linguaggio sessista: riconoscerlo, neutralizzarlo, decostruirlo (c/o Aula 2 Polo didattico di lettere)

MER. 07/05/2014
ME, MY GENDER AND I
Modera Renato Busarello
09:00 DANIEL DE LUCIA, La linguistica lavanda e il gergo gay italiano (c/o Auditorium del rettorato)
09:30 LIANA BORGHI, Il Queer al tempo dei quanti (c/o Auditorium del rettorato)
10:15 PORPORA MARCASCIANO, Transessualismo ed identità di genere (c/o Auditorium del rettorato)
11:00 Coffee break Veg-Equosolidale
11:30 RENATO BUSARELLO, Sguardi sul maschile: relazioni senza nome (c/o Auditorium del rettorato)
12:15 Discussione
13:30 Pausa pranzo
15:30 Attività laboratoriali: LAURA CORRADI, Guerrilla semiotica e sovversioni queer: la decostruzione dell’eteronorma nelle pubblicità(c/o Aula 2 Polo didattico di lettere)

GIO. 08/05/2014
XXY – INTERSEX
Modera Mara Maretti
09:30 MARA MARETTI, Incorporazioni eteronomiche: il genere tra biologia e cultura (c/o Aula Magna di Lettere)
10:00 PIERLUIGI LELLI CHIESA, L’ intersessualità in medicina. (c/o Aula Magna di Lettere)
10:30 STEFANO TUMINI, Aspetti endocrinologici nell’intersessualità(c/o Aula Magna di Lettere)
11:00 MICHELA BALOCCHI, La medicalizzazione dell’intersessualità(c/o Aula Magna di Lettere)
11:30 Coffee break Veg-Equosolidale
12:00 Discussione
13:30 Pausa pranzo
15:30 Attività laboratoriali: MICHELA BALOCCHI/ALESSANDRO COMENI, Proiezioni video e testimonianze dirette (c/o Aula 3 Polo didattico di lettere)

VEN. 09/05/2014
KUNG FU DRAG
09:00 Minicorso di autodifesa contro la violenza di genere e sessuale – A cura di DIEGO ANTONUCCI (c/o Palestra del CIAPI, Viale Abruzzo 322)
13:30 Pausa pranzo
15:30 Assemblea plenaria di chiusa lavori – A cura del gruppo studentesco “La Mala Educacion” e del “Laboratorio Le Antigoni”.
A SEGUIRE Workshop drag a cura di BellaQueerPerugia (c/o Aula 3 Polo didattico di lettere)

 

 

Scarica l’articolo in formato PDF

, , , , , , , , , , ,